5 modi per prevenire il cancro

Mangiare sano e fare esercizio fisico sono le armi chiave nella lotta contro il cancro, ma ci sono altre precauzioni che si potrebbero adottare. Quello che mangiamo e beviamo, come le sostanze che spruzziamo sulle nostre piante o sul nostro corpo, entrano in contatto con la nostra pelle che le assorbe. Potenzialmente aumentano il rischio di sviluppare il cancro,  ma la buona notizia è che i cambiamenti dello stile di vita possono ridurre la quantità di sostanze chimiche cancerogene nell’ ambiente quotidiano. 

Ecco alcuni modi per ridurre il tali rischi.

Utilizzare con cura prodotti antiaderenti e anti-macchia

Mentre i produttori stanno eliminando gradualmente l’uso dell’acido perfluoroottanoico, questo è ancora presente in alcuni prodotti utilizzati per proteggere vestiti, tappeti e mobili dalle macchie e dall’acqua, così come in prodotti per la cucina che aiutano a cucinare il cibo senza attaccarsi, e a evitare che il grasso fuoriesca dai contenitori per alimenti a microonde. Questo acido (chiamato anche PFOA) è associato a difetti della nascita e dello sviluppo, disturbi del sistema nervoso, problemi del sistema immunitario e relativa presenza del cancro. Mentre le pentole antiaderenti prive di graffi sono probabilmente le più sicure da utilizzare, la dottoressa Jennifer Sass, scienziata nel programma di salute presso il Consiglio per la difesa delle risorse naturali, che si batte per migliori test e controllo delle sostanze tossiche, raccomanda di togliere e non utilizzare le pentole con graffi, poiché il PFOA può penetrare nei cibi ed essere nocivo. Se dovete impermeabilizzare scarpe o stivali, trattateli all’aperto e attendete che si asciughino prima di portarli in casa. E considerate la possibilità di fare a meno dei trattamenti antimacchia o idrorepellenti per il vostro nuovo divano o sedia, dal momento che praticamente accosterete il corpo un complemento di arredo saturo di sostanze chimiche.

Non sterilizzare la tua casa o le tue mani

Dal sapone per il corpo a quello per il pavimento, i prodotti che utilizziamo per pulire noi stessi e le nostre case possono influire negativamente su di noi. L’ingrediente antibatterico triclosan, che è nella maggior parte dei saponi liquidi, alcuni dentifrici, molti prodotti per la cura del corpo e persino alcuni giocattoli, è stato collegato al sistema degli organi e alla tossicità riproduttiva, irritazione, interruzione ormonale e cancro. Gli studi hanno dimostrato che l’uso eccessivo di ingredienti antibatterici ha contribuito a creare nuovi batteri resistenti. Nel 2016 la Food and Drug Administration ha limitato l’uso del triclosan in alcuni prodotti. La FDA ha osservato che lavarsi le mani con acqua e sapone è meglio e più sicuro. Molti prodotti naturali sono detergenti efficaci e poco costosi. Oppure puoi usare l’aceto al posto della candeggina, il bicarbonato di sodio come uno scrub e il perossido di idrogeno per la rimozione delle macchie.

Stare lontano dai pesticidi, dentro e fuori

Gli effetti di molti pesticidi non sono stati studiati, mentre altri sono stati classificati come cancerogeni. Gli agricoltori che lavorano a stretto contatto con loro hanno tassi più elevati di cancro della pelle, delle labbra, dello stomaco, dei polmoni, del cervello, del sangue e del sistema linfatico. Mentre i famigerati killer, come il DDT, sono stati dichiarati fuori legge negli Stati Uniti, altri paesi continuano a usarli ed esportare i loro prodotti nel paese. La pubblicazione online Food News fornisce liste dei tipi di prodotti “Clean 15” e “The Dirty Dozen” testati dai pesticidi per aiutarti a fare scelte intelligenti al supermercato. Per mantenere il vostro giardino salvo soprattutto in aree problematiche, evitando di distruggere l’intera proprietà con sostanze chimiche potenzialmente dannose. Potreste provare anche Integrated Pest Management, un modo semplice, economico ed ecologico per ridurre i casi di parassiti senza l’uso di pesticidi chimici.

Conoscere la propria acqua

Non si può essere certi che il sistema idrico della propria comunità sia conforme alla Legge sull’acqua potabile, che stabilisce specifici standard. La crisi idrica a Flint, nel Michigan, fornisce un altro motivo per testare l’acqua potabile dal piombo e altri contaminanti. Gli elementi cancerogeni che si trovano negli approvvigionamenti idrici statali negli Stati Uniti comprendono l’arsenico e il radioattivo radio-226. Ha senso usare un filtro per l’acqua progettato per rimuovere le sostanze chimiche nella tua zona. Le forniture di acqua pubbliche vengono testate annualmente, quindi richiedi un rapporto sull’acqua che dettagli i contaminanti dal tuo rubinetto. Se si utilizza acqua dolce, fatelo testare da un professionista locale. Alcuni prodotti chimici richiedono un filtro al carbone, mentre i problemi più seri possono richiedere l’osmosi inversa – un sofisticato metodo di filtrazione. Il Consiglio nazionale per la difesa delle risorse offre una guida ai filtri dell’acqua.

Non lavare a secco

I tradizionali pulitori a secco utilizzano un solvente chiamato percloroetilene per pulire i tessuti delicati. Tuttavia l’EPA ha classificato il PERC come cancerogeno possibile-probabile, e l’Organizzazione mondiale della sanità lo considera un probabile cancerogeno. L’esposizione ai vapori del solvente può anche avere effetti neurologici e causare danni al fegato e ai reni. Se lavi a secco i tuoi vestiti, spogliali della loro plastica e lasciali all’aria aperta lontano da casa. Un approccio più pratico, tuttavia, è quello di proteggere una lavanderia a secco che utilizza un metodo nuovo, tecnologicamente avanzato, eco-compatibile per la pulizia degli indumenti fragili: wetcleaning. Wetcleaning comprende saponi biodegradabili e lavatrici controllate da computer che misurano con precisione la pressione e la velocità richieste da ogni tessuto.