null

Uffici, scuole, atenei, centri commerciali, palestre, stazioni, cinema, ospedali: sono tante le location potenzialmente adatte a ospitare i neonati distributori automatici di snack biologici, attualmente in sperimentazione a Bologna, ma che ambiscono a conquistare l’intero territorio nazionale.

L’idea di proporre l’installazione di biomachine distributrici di prodotti alimentari sani in luoghi a elevata affluenza di pubblico è di Bio4U, società guidata da Sergio Talia, in partnership con Bioera (attraverso la sua controllata Ki Group), IVS Italia, Top Ten Group, Probios. Tutte realtà decise a cavalcare la grande onda del biologico, da sempre più italiani considerato, oltre che più buono, anche naturale e sicuro, perché privo di ogm, tossine chimiche e pesticidi. Non a caso un’indagine condotta da Lorien Consulting su un campione di 1.000 italiani evidenzia che oltre l’80% ha consumato prodotti bio negli ultimi sei mesi, perché li considera più sani e naturali, e tre italiani su dieci li gustano anche durante i break quotidiani sotto forma di snack e bevande. Infine, nove connazionali su dieci affermano che farebbero volentieri uso di distributori automatici bio e addirittura il 66% è disposto a spendere di più rispetto a una normale vending machine proprio in virtù della salubrità di barrette, merendine e snack salati. Nelle previsioni dei soci del progetto, le biomachine aiuteranno anche a estendere la tipologia del target che consuma cibo biologico: “I consumatori stanno dimostrando sempre più consapevolezza dell’importanza di comportamenti che tutelino la propria salute, il proprio benessere e rispettino l’ambiente ed in questo rientra il grande interesse per il biologico – dichiara Canio Mazzaro, amministratore delegato di Bioera, leader di mercato nel settore alimentare biologico -. Con Bio4U facciamo un ulteriore passo avanti, dando l’opportunità a chi già consuma il biologico di poterne usufruire anche nelle piccole pause della giornata e avvicinando al biologico anche nuove fasce di consumatori grazie a una nuova modalità di distribuzione”.

Golden Backstage
Bio4U: stanno arrivando le vending machine del biologico - www.goldenbackstage.com

null

Bioera SpA: Progetto “Bio4U” – nascono le “bio machine” Bio4U, distributori automatici di snack 100% biologici già in sperimentazione a Bologna, piacciono a 8 italiani su 10.

Milano, 5 giugno 2015 – Italiani sempre più attenti all’alimentazione e al mangiare sano e in questo periodo, in cui il tema della nutrizione è al centro anche di EXPO Milano 2015, cresce ancor di più la voglia di pensare e consumare bio, anche nelle piccole pause della giornata. È questo il quadro che emerge da una indagine promossa da Bio4U, azienda nata proprio dall’idea di integrare il business della distribuzione automatica con il mondo del cibo biologico e realizzata in collaborazione tra Bioera, attraverso le proprie controllate Bioera Start Up Italia e Ki Group, e IVS Italia, leader nel settore della distribuzione automatica e Top Ten Group, società attiva nel marketing del settore cinematografico.

Secondo l’indagine, realizzata su un campione di 1000 italiani, oltre l’80% degli italiani ha consumato prodotti biologici negli ultimi 6 mesi perchè li considera più sani e naturali e 3 su 10 li gusta anche nelle piccole pause della giornata sottoforma di snack e bevande. Inoltre, 9 italiani su 10 affermano che farebbero volentieri uso di distributori automatici bio e addirittura il 66% è disposto a spendere di più rispetto ad una normale vending machine proprio perché si tratta di prodotti più sani.

E proprio questi dati positivi sono alla base della nascita delle “bio machine” Bio4U, distributori automatici ad alta tecnologia che offrono solo snack e bevande biologici in tantissime varietà e gusti con gli stessi marchi attualmente distribuiti attraverso il canale retail, ma con il vantaggio di una disponibilità 24 ore su 24. I primi 6 distributori sono già stati installati a Bologna in zone ad alto passaggio – uffici pubblici, università – per testare il progetto in vista della ulteriore diffusione sul territorio nazionale.

“L’idea di Bio4U è nata per intercettare il bisogno dei consumatori di gustare cibo sano anche nelle piccole pause della giornata” dichiara Sergio Talia, Amministratore delegato di Bio4U “Le bio machine Bio4U sono già una realtà sul mercato e l’installazione di 7 macchine a Bologna ci sta consentendo di testare direttamente l’efficacia dei distributori, osservare cosa si consuma di più e cosa di meno per arrivare a definire il giusto mix di prodotti. Dopo questa prima fase, che durerà circa 6 mesi, estenderemo progressivamente il test ad altre zone dell’Emilia Romagna per poi espanderci in tutta Italia”…

La Stampa
Bioera: Progetto - finanza.lastampa.it

null

Netto rialzo per Bioera che stamattina ha informato dle lancio del progetto “bio machine” Bio4U, distributori automatici ad alta tecnologia che offrono solo snack e bevande biologici in tantissime varietà e gusti con gli stessi marchi attualmente distribuiti attraverso il canale retail, ma con il vantaggio di una disponibilità 24 ore su 24. I primi 6 distributori sono già stati installati a Bologna in zone ad alto passaggio.

La Stampa
Bioera (+4,6%) accelera con progetto - finanza.lastampa.it

null

Nascono le “bio machine” Bio4U, distributori automatici di snack 100% biologici. Già in sperimentazione a Bologna, piacciono a 8 italiani su 10. Italiani sempre più attenti all’alimentazione e al mangiar sano e, soprattutto in questo periodo in cui il tema della nutrizione è anche al centro anche di EXPO Milano 2015, cresce ancor di più la voglia di pensare e consumare bio, anche nelle piccole pause della giornata. È questo il quadro che emerge da una indagine promossa da Bio4U, azienda…

Agir Agenzia Giornalistica Repubblica
Il bio conquista il break degli Italiani e rivoluziona la distribuzione - agenziarepubblica.it

null

Sono una divoratrice di notizie, ma non di quelle da strilloni in prima pagina. Ossia del triumvirato Renzi/Salvini/Berlusconi non me ne importa una mazza. Leggo con avidità il potenziale che c’è dietro quelle notizie che fanno meno notizia. Ma è anche vero che l’occhio cade sempre su ciò che si vuole sapere. Leggo per esempio che Canio Mazzaro da imprenditore farmaceutico si è fatto profeta del bio/food e con la benedizione dell’Università di Bologna (una delle location scelte per il test/pilota) ha appena firmato un progetto che guarda molto, molto avanti. L’ingegnere Mazzaro dall’animo filosofico, è il principale azionista di Bioera, quotata in borsa, specializzato in alimenti bio e naturali e da adesso i suoi bio/snack sono distribuiti dalle macchinette Ivs, azienda leader, non solo in Italia, nella ristorazione automatica. Praticamente il primo al mondo ad avere unito il concetto di bio alla distribuzione automatica. Obbiettivo finale spargere per tutto il territorio, comprese le scuole, 16mila distributori di Bio/era. Praticamente dall’agricoltore direttamente al consumatore, concedetemi una licenza di fantasia.

E visto che solitamente i nostri figli si avvicinano alle macchinette solo per comprare junk food (termine anglofono per indicare quel cibo ad alto contenuto calorico ma di scarso valore nutrizionale, quindi di bassissima qualità  e che ha lastricato gli States di una giovanissima generazione di obesi) adesso finalmente potranno scegliere la loro merendina Bio4U tra barrette alla frutta, snack salati (ma non troppo) e bevande alla soya.

E visto che viviamo in un’era in cui siamo diventati intolleranti agli alimenti (glutine, lattosio, mercurio contenuto nel pesce…solo per citare le più diffuse), viene più voglia di conoscere quello che mangiamo e da dove viene. “E’ un dovere, oltre che un diritto. Sopratutto per le nuove generazioni. I nostri figli non si fanno domande su ciò che comprano o mangiano, la loro consapevolezza è scarsa – spiega l’ingegnere – abbiamo immaginato il progetto Bio4u per portare a tutti uno snack veloce, ma sano e gustoso”. E visto che l’ingegnere vola alto, prossimo obbiettivo saranno gli spuntini distribuiti dalle compagnie aeree.

“Che l’alimento sia la tua medicina e la tua medicina sia il tuo alimento, ma gli alimenti possono diventare anche veleno”. Sono parole di Ippocrate che secoli fà introdusse il tema dei disturbi legati al cibo. E che l’imprenditore Mazzaro ha fatto sue: “Perchè tra mente e intestino c’è un dialogo continuo….senza creare falsi allarmismi, visto che  secondo i dati più recenti dell’Istituto Superiore di Sanità, circa l’8% dei bambini e il 2% della popolazione adulta soffre di reazioni avverse ad uno o più cibi, l’educazione all’alimentazione/bio dovrebbe cominciare già dalle scuole elementare”.

Il Fatto Quotidiano
Alimenti biologici: la nuova era (automatica) - www.ilfattoquotidiano.it

null

Gli italiani sono sempre più attenti all’alimentazione e al mangiar sano e cresce il loro desiderio di consumare “bio”, anche nelle piccole pause della giornata. Questo, almeno, è il quadro che emerge da una indagine promossa da Bio4U, azienda nata dall’idea di integrare il business della distribuzione automatica con il mondo del cibo biologico, e realizzata in collaborazione con Bioera attraverso la sua controllata Ki Group, IVS Italia e Top Ten Group.

Secondo l’indagine, realizzata su un campione di mille italiani, oltre l’80% degli interpellati ha consumato prodotti biologici negli ultimi sei mesi perchè li considera più sani e naturali e tre su dieci li gustano anche nelle piccole pause della giornata sotto forma di snack e bevande. Infine, nove italiani su dieci affermano che farebbero volentieri uso di distributori automatici bio e addirittura il 66% è disposto a spendere di più rispetto a una normale vending machine perché si tratta di prodotti più sani.

Proprio questi dati sono alla base della nascita delle “bio machine” Bio4U, distributori automatici che offrono solo snack e bevande biologici. Le prime sono già state installate a Bologna per testare il progetto in vista della ulteriore diffusione sul territorio nazionale.

Dall’indagine emerge anche “l’identikit” del consumatore Bio4U: si tratta di oltre il 40% della popolazione che già oggi acquista abitualmente prodotti bio e ha già familiarità, in generale, con l’utilizzo di distributori automatici, con una prevalenza di uomini (56%), in particolare nella fascia di età 35-54 anni (55%).

«L’idea di Bio4U è nata per intercettare il bisogno dei consumatori di gustare cibo sano anche nelle piccole pause della giornata» conferma Sergio Talia, amministratore delegato dell’azienda.

Del resto l’utilizzo del distributore automatico è familiare al 50% della popolazione che dichiara di utilizzarli in media sette volte al mese, soprattutto sul posto di lavoro, a scuola o all’università (60%), nei centri commerciali (30%), in giro per la città e nelle stazioni di treni e metro (29%). La motivazione principale del ricorso ai distributori automatici è la comodità: sono vicini (49%) e utilizzabili 24 ore su 24 (43%).

Healtdesk
Il bio alla conquista delle pause degli italiani - www.healthdesk.it

null

Già in sperimentazione a Bologna, le Bio Machine sono state lanciate da Bio4U in collaborazione con Bioera per rispondere a un target di consumatori che predilige la salubrità prêt à mager.

Il biologico entra nella distribuzione automatica con le nuove Bio Machine lanciate da Bio4U in collaborazione con Bioera, che offrono un assortimento di prodotti al 100% biologici. Il progetto, in fase di sperimentazione con 7 esemplari installati a Bologna, nasce a seguito di un’indagine sui consumatori promossa dall’azienda, che ha rilevato l’interesse degli italiani nei confronti dell’alimentazione sana in modalità prêt à mager.

Offerta

I marchi sono gli stessi attualmente distribuiti attraverso il canale retail, come Kì, Rapunzel, Allos e Rice&Rice, ma con il vantaggio di una disponibilità 24 ore su 24, che punta a coprire il segmento della pausa. Tra i prodotti barrette, merendine, ma anche bevande fresche ed acqua.

Target

Il progetto si rivolge alle aziende e alle amministrazioni pubbliche e private che intendano offrire l’opzione bio per soddisfare le esigenze dei propri dipendenti e del pubblico in generale. In particolare, secondo i dati di mercato, le location con maggiore potenziale d’acquisto sono le seguenti: uffici, scuole e università, palestre, stazioni e aeroporti, cinema e centri commerciali, ospedali.

Il target ideale identificato dall’indagine coincide con il 42% della popolazione che già oggi acquista abitualmente prodotti bio ed è già familiare, in generale, con l’utilizzo di distributori automatici. Si tratta prevalentemente di uomini (56% rispetto al 44% delle donne), con prevalenza della fascia di età 35-54 anni (55%). Tuttavia, la forte capacità di attrazione del concept estende in misura significativa gli acquirenti potenziali.

Sviluppo

Dopo questa prima fase pilota della durata di 6 mesi, che ha scelto la città con il più alto consumo di cibo biologico (quasi 14€/m²) il progetto punta ad espandersi ad altre località dell’Emilia Romagna, per arrivare poi a tutto il territorio italiano.

Mark Up
Nascono i distributori automatici di snack al 100% biologici - www.mark-up.it

null

Secondo l’indagine realizzata dall’azienda Bio4U in collaborazione con Bioera oltre l’80% degli italiani ha consumato prodotti biologici negli ultimi 6 mesi perché li considera più sani e naturali. I numeri.

Italiani sempre più bio, in tutte le occasioni di consumo. Questo il quadro delinato dall’indagine realizzata da Bio4U in collaborazione con Bioera, cui è seguito il lancio dei primi distributori automatici di snack al 100% biologici, un progetto pilota attivo a Bologna ma che punta a tutto il territorio nazionale.

Ecco quanto emerso dallo studio effettuato su un campione eterogeneo di 1.000 consumatori.

Propensione all’acquisto elevata. L’84% degli Italiani ha consumato prodotti biologici negli ultimi sei mesi, di cui oltre il 60% alimentari.

Concept salubre. Le motivazioni alla base dell’acquisto risiedono nel legame istantaneo tra il termine biologico e i concetti di sanità, naturalità e genuinità. L’unico tratto negativo spontaneamente rilevato è il prezzo, considerato da alcuni eccessivo.

Consumo esteso. Fra chi acquista prodotti alimentari biologici, 3 su 10 consuma snack o bevande bio, a testimonianza di un’estensione di tale dieta, o stile alimentare, a tutte le occasioni di consumo.

Sì al prêt à manger. In legame con il punto precedente, l’88% degli italiani vede di buon occhio i distributori automatici bio (il 41% si dice “molto d’accordo”) e il 79% ne farebbe uso, con una netta prevalenza fra la popolazione attiva che lavora e studia. 8 italiani su 10 ritengono giusto che i prodotti biologici abbiano distributori automatici dedicati.

Prezzo. Il 66% è disposto a spendere di più perché si tratta di alimenti più sani.

Mark Up
Trend biologico: i dati dello scenario in Italia - www.marku-up.it

null

Bioera, attraverso le proprie controllate Bioera Start Up Italia e Ki Group, Ivs Italia e Top Ten Group hanno lanciato i distributori automatici “bio machine” con Bio4U, azienda nata proprio dall’idea di integrare il business della distribuzione automatica con il mondo del cibo biologico. I primi 6 distributori, si legge in una nota, sono già stati installati a Bologna in zone ad alto passaggio – uffici pubblici, università – per testare il progetto in vista della ulteriore diffusione sul territorio nazionale. All’interno delle “bio machine” si trovano gli stessi marchi attualmente distribuiti attraverso il canale retail ma con una disponibilità 24 ore su 24. “Abbiamo abbracciato volentieri questo progetto perché come leader italiano ed europeo nella distribuzione automatica siamo sempre attenti ai desideri dei consumatori” dichiara Antonio Tartaro, a.d. di Ivs Italia. “Il consumo di biologico sta crescendo in modo esponenziale in Italia e riteniamo quindi che offrirlo anche attraverso dei distributori automatici completamente dedicati sia in linea con le aspettative di una parte del nostro target attuale”.

ADVFN
Bioera: lancia distributori - it.advfn.com

null

Bioera, attraverso le proprie controllate Bioera Start Up Italia e Ki Group, Ivs Italia e Top Ten Group hanno lanciato i distributori automatici “bio machine” con Bio4U, azienda nata proprio dall’idea di integrare il business della distribuzione automatica con il mondo del cibo biologico. I primi 6 distributori, si legge in una nota, sono gia’ stati installati a Bologna in zone ad alto passaggio – uffici pubblici, universita’ – per testare il progetto in vista della ulteriore diffusione sul territorio nazionale. All’interno delle “bio machine” si trovano gli stessi marchi attualmente distribuiti attraverso il canale retail ma con una disponibilita’ 24 ore su 24. “Abbiamo abbracciato volentieri questo progetto perche’ come leader italiano ed europeo nella distribuzione automatica siamo sempre attenti ai desideri dei consumatori” dichiara Antonio Tartaro, a.d. di Ivs Italia. “Il consumo di biologico sta crescendo in modo esponenziale in Italia e riteniamo quindi che offrirlo anche attraverso dei distributori automatici completamente dedicati sia in linea con le aspettative di una parte del nostro target attuale”.

Corriere della Sera
Esplora il significato del termine: Bioera: lancia distributori Bioera: lancia distributori - www.corriere.it

null

Bioera, attraverso le proprie controllate Bioera Start

Up Italia e Ki Group, Ivs Italia e Top Ten Group hanno lanciato i

distributori automatici “bio machine” con Bio4U, azienda nata proprio

dall’idea di integrare il business della distribuzione automatica con il

mondo del cibo biologico.

I primi 6 distributori, si legge in una nota, sono gia’ stati installati

a Bologna in zone ad alto passaggio – uffici pubblici, universita’ – per

testare il progetto in vista della ulteriore diffusione sul territorio

nazionale. All’interno delle “bio machine” si trovano gli stessi marchi

attualmente distribuiti attraverso il canale retail ma con una

disponibilita’ 24 ore su 24.

“Abbiamo abbracciato volentieri questo progetto perche’ come leader

italiano ed europeo nella distribuzione automatica siamo sempre attenti ai

desideri dei consumatori” dichiara Antonio Tartaro, a.d. di Ivs Italia.

“Il consumo di biologico sta crescendo in modo esponenziale in Italia e

riteniamo quindi che offrirlo anche attraverso dei distributori automatici

completamente dedicati sia in linea con le aspettative di una parte del

nostro target attuale”.

Mediaset - TG Com 24
Bioera: lancia distributori - finanza.tgcom24.mediaset.it